ARGENTINA – PATAGONIA: istruzioni per l’uso

iguazu-argentino-001
Documenti per viaggiare in Argentina
Per soggiorni turistici inferiori a tre mesi è sufficiente il Passaporto in corso di validità con scadenza non inferiore a 6 mesi dalla data di arrivo in Argentina ; il visto non è necessario. I visitatori provenienti dai Paesi non limitrofi sono esenti dal pagamento delle tasse sugli oggetti di viaggio e gli articoli nuovi di valore non superiore a USD 300, ed altri USD 300 se acquistati a free shops esistenti nel territorio argentino.
Acquisti e devoluzione dell’IVA
Nell’aeroporto potrete recuperare l’importo pagato in ragione dell’IVA, se avrete acquistato prodotti nei negozi che aderiscono al sistema “Tax Free Shopping” (prima di procedere agli acquisti verificate quali sono le condizioni sull’importo minimo per ogni fattura).
Valuta
Peso argentino.
Sanità e vaccinazioni
Non è formalmente richiesto alcun certificato medico per l’ingresso in Argentina, a meno che arriviate via terra dal Brasile o via aerea da un Paese a rischio di febbre gialla, in tal caso contro il colera e la febbre gialla per i passeggeri procedenti da Paesi nei quali queste malattie siano endemiche. Il servizio di pronto soccorso negli ospedali argentini è valido e gratuito. Nel caso di necessità ricorrere al servizio medico senza alcun timore. Informarsi prima di partire se è il caso di stipulare un’assicurazione medica per il viaggio.
Comunicazioni telefoniche
Chiamate Italia – Argentina: comporre il prefisso internazionale 0054 , l’indicativo urbano, quindi il numero desiderato. Chiamate Argentina – Italia: comporre il prefisso internazionale 0039 , l’indicativo urbano con lo zero, quindi il numero desiderato. E’ possibile telefonare dagli alberghi con un servizio migliore, ma con tariffe maggiorate. La telefonia pubblica offre un buon servizio ed è possibile trovare telefoni che funzionano con monete, gettoni (cospeles) e tessere prepagate (tarjetas) in vendita presso giornalai, chioschi e compagnie telefoniche.
Clima
Come tutti i Paesi dell’America Latina che si trovano sotto la linea dell’Equatore, l’Argentina presenta le stagioni invertite rispetto al nostro emisfero settentrionale, ovvero al nostro inverno corrisponde l’estate australe. L’inverno va da giugno ad agosto, l’estate comincia a dicembre e i mesi di gennaio e febbraio sono i più caldi dell’anno. La notevole estensione del paese nel senso della latitudine (da 22° a 55° sud) e la differente altitudine fa si che le condizioni variano sensibilmente da nord a sud, passando da un clima tropicale o subtropicale nella “Mesopotamia” e nel Chaco , con estati caldi ed inverni miti, a un clima di tipo oceanico freddo nella Patagonia . Da Luglio ad Agosto le temperature scendono molto facilmente sotto lo zero, consigliamo per la Patagonia un abbigliamento caldo e protettivo per il vento e il gelo.
Il clima della regione andina risente naturalmente dell’altitudine e presenta i caratteri tipicamente montani (forti escursioni termiche, inverni assai rigidi, ecc.): nella puna e in genere nelle Ande settentrionali è accentuata l’aridità, mentre piovosità assai abbondante si registra a sud dove, per l’abbassarsi della catena andina e l’estremo assottigliarsi del territorio, prevale dunque il clima oceanico.
L’Argentina meridionale è l’unica area sottoposta all’azione dei venti del Pacifico , data la barriera altrove frapposta delle Ande al loro passaggio; la particolare delle masse d’aria promosse dall’anticiclone dell’ Atlantico meridionale fa sì che esso investa direttamente solo la parte più settentrionale del paese. Qui infatti, a ridosso degli altopiani brasiliani, si verificano le precipitazioni più abbondanti, con massimi intorno ai 1800 mm annui; altrove si scende ai valori propri dei paesi semiaridi o addirittura aridi, con una generale riduzione procedendo da est verso ovest: così il Chaco passa da oltre 1000 a 500 mm di precipitazioni, registrando nell’area occidentale, un clima tipicamente tropicale, caratterizzato d’ inverno da una lunga stagione secca. Al clima subtropicale monsonico senza stagione asciutta è invece la striscia della “Mesopotamia”; nella pampa si passa dai 1000 mm della costa (pampa h´meda ) ai 600 mm dell’interno ( pampa seca ), dove si ha un clima temperato steppico , con estati assai calde ed inverni miti.
Subdesertica è la Patagonia , contraddistinta da inverni assai rigidi, escursioni termiche molto alte e precipitazioni tra i 200 e i 400 mm annui; procedendo verso sud, sino ad includere la Terra del Fuoco , le piogge aumentano per i citati influssi oceanici, mentre le temperature si abbassano sensibilmente (media annua di 5° C); qui il limite delle nevi perenni, scende a 1.000 m sullo stretto di Magellano .
Abbigliamento
Per il vostro viaggio in Argentina consigliamo un abbigliamento vario e stratificato. A Buenos Aires troverete clima estivo e caldo (periodo novembre-febbraio) mentre a Iguazù il clima è umido e tropicale. Quando sarete in Patagonia, a cominciare da Trelew e scendendo, le temperature e il clima cambieranno e ci si avvicinerà ad un clima alpino. Anche se il periodo novembre-febbraio è per l’emisfero sud l’Estate Australe, a Ushuaia e El Calafate troverete clima ventoso con temperature diurne sui 10-15°C ma con escursioni termiche che possono arrivare a 4°C e notturne anche sotto zero. Consigliamo sempre giacca media-grossa pesantezza, un buon pile e k-way para vento.
A El Calafate, poiché visiterete il ghiacciaio Perito Moreno e fare la navigazione sul lago Argentino, consigliamo crema protettiva e occhiali da sole… il riflesso del ghiacciaio provoca anche scottature al viso senza rendersene conto. Stessa cosa per il vento, può facilmente irritare la pelle del viso. La protezione è vivamente consigliata.
Geografia
NORD: Bolivia e dal Paraguay – EST: Brasile, Uruguay e Oceano Atlantico – OVEST: Cile – SUD: Cile
Estensione:
N-S 3.799 Km, O-E 1.423 Km.
Il territorio si estende, in direzione nord-sud, per 3330 km; da ovest a est ampiezza massima è di 1384 km. Il paese comprende la parte orientale dell’isola della Terra del Fuoco, oltre ad alcune isole minori situate al largo della costa orientale, tra cui l’isola degli Stati.
La superficie
La superficie del paese è di 2.780.092 km 2 ; è il secondo paese dell’America meridionale, per estensione, dopo il Brasile. Con le isole dell’Atlantico meridionale, una parte dell’Antartide e le isole Falkland (rivendicate dall’Argentina) l’estensione territoriale del paese raggiunge i 2.808.602 km 2 . Il suo litorale ha un’estensione di 2665 km.
Consolati italiani in Argentina
I Consolati sono organismi competenti per l’emissione o il rinnovo del passaporto, per il riconoscimento della cittadinanza italiana , per tutti gli atti amministrativi che i cittadini italiani residenti all’estero possono richiedere : rilascio di certificazioni, atti notarili, assistenza sociale ai cittadini indigenti, emissione dei visti per l’ingresso di stranieri in Italia.
La rete consolare italiana in Argentina si suddivide territorialmente in Consolati generali (Consulados Generales) Consolati (Consulados) e Agenzie consolari (Agencias Consulares).

CONSOLATO GENERALE D’ITALIA A BUENOS AIRES
M.T. de Alvear 1149
(1058) Buenos Aires
t.: 4816.6132/3/4/5/6 fax: 4816.6138
Sito web http://www.consitalia-bsas.org.ar/

Agenzia Consolare Morón
Rep. Oriental del Uruguay 129
(1708)Morón (BsAs) t.: 011-46299573 fax: 011-44891615

Agenzia Consolare Lomas de Zamora Meeks 701
(1834)Lomas de Zamora (BsAs) t.: 011-42927954 fax: 011-4292795

CórdobA Ayacucho 129/131
(5000) Córdoba tel: 0351-5261000 fax: 0351-5261010
La Plata Calle 48 n.869
(1900) La Plata t.: 0221-5218800/1/2 fax: 0221-5218828

Rosario Boulevard Oroño 1593
(2000) Rosario t.: 0341-4407021/2/3 fax: 0341-4258189

Mar del Plata Viamonte 2216
(7600) Mar del Plata, BsAs t.: 0223-4512138/4517703 fax: 0223-4518623

Mendoza Perú 1393 (5500) Mendoza t.: 0261-4231640/4380453 fax: 0261-43807

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti