Torino… città da scoprire

torino_1Torino, conosciuta da molti per essere stata la prima capitale industriale e del grande boom della Fiat e Mirafiori, in realtà è molto di piu di questo.

La prima capitale del regno d’Italia di sabauda memoria, conserva fra i suoi viali eleganti, i parchi cittadini e i quartieri una storia e un patrimonio artistico di rara bellezza, primi fra tutti gli splendidi palazzi Carignano, la sede della prima Camera dei Deputati e palazzo Madama, dalla imponente facciata barocca che avvolge una struttura castellana del XIV secolo, dove trovò sede il primo Senato del Regno , senza dimenticare il Palazzo Reale, con la Cattedrale al cui interno si conservano pale d’altari di grandi artisti e la Sindone, simbolo spirituale ma anche esoterico e magico di quella città, Torino appunto, che è riconosciuta da molti come un luogo di grandi misteri e alchimia, simbologia e piante urbane che nascondono, fra le proprie architetture, amuleti e centri di energia . Basti pensare alle famose grotte alchemiche che sorgono sotto Palazzo Madama o alle chiese gemelle di piazza Carlo Felice il cui significato in realtà va ben oltre lo semplice splendore artistico. Torino, lambita dal fiume Po, ha una storia antichissima risalente ai romani ma che solo dal XIII secolo, con i primi duchi di Savoia, ha iniziato a forgiare la propria identità di città eclettica e di misteri, cosmopolita e destinata a essere fulcro di mecenati, artisti, pensatori e sovrani illuminati. I Savoia oltre alle chiese, prime fra tutte la Grande Madre e Superga, i palazzi nobiliari, le piazze e i giardini hanno lasciato una impronta indelebile nel tessuto urbano della città, con le loro regge, prima fra tutte Venaria nata come riserva di caccia e diventata in pochi decenni la residenza della famiglia reale, fra imponenti sale, corridoi delle feste e opere d’arte di grande pregio.

Per chi visita Torino la prima volta l’impressione è quella di una città in costante fermento, dalle proporzioni gigantesche ma ordinate , attraversata ai quattro lati da lunghissimi corsi che portano il nome dei grandi re e regine del passato, modernissimi grattacieli e stazioni come quella di Torino Porta Susa che contrasta ma in armonia con l’imponenza di quella di Porta Nuova in tipico stile ottocentesco, ideale accesso al centro urbano da cui si accede in poco tempo a piedi o in tram, ad alcuni luoghi simbolo come il Lungo Po disseminato di locali, il parco del Valentino, il quartiere medievale e l’ Oltrepo dove trovare molte osterie e locali storici in cui gustare la vera cucina piemontese. Le cose da fare e da vedere in questa città sono molte, ideale ponte fra la Francia e l’ Italia, in cui si respirano ancora vive le atmosfere bohemien e di fine ottocento che hanno dato a questa città la propulsione per essere ponte ideale fra culture e popoli.

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti