Viaggio in Vietnam. Cosa vedere

Vietnam

Il Vietnam richiama alla memoria atmosfere suggestive, etnie dai sgargianti colori, gastronomia ricercata, natura maestosa e lussureggiante. Un viaggio in Vietnam regala una straordinaria esperienza sensoriale.

Il Paese può vantare una varietà di paesaggi fra i più straordinari d’Oriente, dalle etnie, villaggi e risaie di Sapa e Mai Chau, alla spettacolare baia di Halong, una delle Sette Meraviglie del Mondo a livello naturale, oppure i faraglioni e le grotte di Tam Coc o Dong Hoi, le dune sabbiose e le sorgenti delle fate di Mui Ne e i suggestivi paesaggi del delta del Mekong, come la foresta di melaleuca di Tra Su, senza dimenticare le isole Cham e altri ambienti naturali di indiscussa bellezza

Il Vietnam è anche cultura e arte, come la elegante Hanoi, nei secoli passati nota come una delle Perle del Sud Est Asiatico, con  il villaggio medievale di Duong Lam, ancora intatto dal XIII secolo, passando per la città definita “il presepe dell’ Indocina”, la variopinta Hoi An, gioiello medievale che riassume in sé diverse architetture delle corporazioni e carovane che qui si sono incontrate, passando per la elegante e francese Saigon, oggi Ho Chi Minh City o la pittoresca Hue, con la Cittadella Purpurea, le residenze patrizie e altri edifici della dinastia Nguyen.

Il Vietnam è rinomato anche per le sue spiagge bianche e il mare cristallino, primo fra tutti l’isola di Phu Quoc, Con Dao e Nha Trang

Noi di Mundo Escondido abbiamo selezionato per voi cosa vedere in Vietnam e non perdere. Da Nord a Sud.

Hanoi e il villaggio Duong Lam

Hanoi multiforme e colorata. Cosa vedere? Avrete l’imbarazzo della scelta: il Tempio della Letteratura, la prima Università confuciana al Mondo,  il Museo di Etnologia, dove poter ammirare alcune delle abitazioni tipiche delle 44 etnie del Vietnam, i templi di Ngoc Son, con il Ponte Rosso e Tran Quoc, sulle sponde del lago Hoan Kiem o i quartieri delle 36 strade o gilde. Uscendo da Hanoi si incontrano autentici scorci del Vietnam di un tempo, come il villaggio medievale di Duong Lam, perfettamente conservato e con edifici e templi millenari o la fattoria Ky Son, sulla strada per Hai Phong. Ultima emozione, la ricercata cucina, dai più lussuosi ristoranti al cibo di strada, fra di questa città una delle capitali gastronomiche dell’Oriente e non solo.

Baia di Halong

L’icona del Vietnam? Sicuramente Ha Long, capolavoro naturale, nel cuore del golfo del Tonchino. Uno spettacolo mozzafiato di faraglioni, isole, grotte che si stagliano a perdita d’Occhio, fra scenari incantati, scolpiti come vuole la leggenda, dalla danza di un drago che in essa ha trovato riposo perpetuo.

Sapa, Mai Chau e le Tribù del Nord

Qui siamo nel cuore tribale del Vietnam, ancora caratterizzato da riti, tradizioni e costumi ancestrali, fra mercati chiassosi, splendidi terrazzamenti dal vermiglio acceso e piccoli borghi tribali, come Ma Tra, Cat Cat, Ta Van e altri ancora, ognuno di essi popolati da una differente etnia, come i hmong e i dzao, che si distinguono per i vestiari o i copricapi multiformi, passando per gli idilliaci Mai Chau, con i suoi villaggi e le risaie coltivate ancora come secoli fa

Hue e Hoi An

Memorie imperiali a Hue, fra la città proibita con le sue sale, corti e palazzi , le pagode e i mausolei dei grandi sovrani a Hoi An, la “città gialla”, un intrico di viuzze, strade, ponti, canali e antiche abitazioni erette dai mercanti e dalle corporazioni quando la città era un crocevia di popoli, passando per le antiche torri cerimoniali cham, misterioso sito archeologico del IV secolo, il villaggio di Tra Que e i borghi dei maestri del coralli, Au Guyen, il centro del Vietnam è una esplosione di colori e di sapori, qui siamo nel cuore della decantata gastronomia annamita.

Saigon e il delta del Mekong

Saigon, la capitale del Sud, della moda e dell’eleganza, città modernissima, fra grattacieli svettanti, raffinati e maestosi viali dove il lusso di boutique, alberghi, ristoranti richiamano alla sua belle epoque, fra edifici francesi bellissimi, come Notre Dame, il Palais des Postes, progettato da Eiffel, il Palais de la Ville o l’Opera che si intrecciano ai quartieri orientali di Cho Lon e della comunità mandarina. Ottimo punto di accesso per proseguire il viaggio verso Phnom Penh e la scoperta della Cambogia, passando per Chau Doc e le sue riserve naturali come Tra Su o Tram Chin.

Phu Quoc

Mare cristallino e da sogno? Qui c’è. È l’isola di Phu Quoc, spiagge bianche e incontaminate, mare dai fondali turchini e spettacolari, barriera corallina e, per chi vuole anche vivere la sua atmosfera più intima, villaggi di pescatori e inaccessibili foreste vergini.

CONTATTA MUNDO ESCONDIDO PER UN PREVENTIVO VIAGGIO IN MYANMAR

 

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti